Conchiglioni al pesto di asparagi e capra con un Sauvignon blanc altoatesino

Ho una vasta collezione di conchiglie, che tengo sparse per le spiagge di tutto il mondo.
[Steven Wright]


Alto Adige…

Facciamo qualche passo indietro nel tempo, a oltre 250 milioni di anni fa, a quel periodo Permiano che conclude l’era geologica del Paleozoico, tra il Carbonifero e il Triassico, la prima fase del Mesozoico.

Una terra di vigneti e roccia, una terra antica, millenaria, che si è andata trasformando nel tempo, una vegetazione lussureggiante alternata a stratificazioni di fossili che mediante un processo durato milioni di anni sono diventati pietra, le montagne, le Dolomiti.

Una terra, l’Alto Adige, dove prima c’era il mare e ora i vigneti trasformano una storia geologica di evoluzione e di tradizioni in un capolavoro, il Sauvignon Blanc, un frutto, un miracolo, un gioiello, un sapore inconfondibile e supremo.

Le conchiglie allora rimandano a un tempo lontano, dove mare e montagna si incontrano, senza dimenticare le tipicità di un formaggio di capra fresco e degli inconfondibili finferli.

Godetevi un bel piatto di pasta ripiena insieme a questo eccellente vino altoatesino…

CONCHIGLIONI AL PESTO DI ASPARAGI E CAPRA CON FINFERLI ALLO SCIROPPO D’ACERO

Ingredienti per 20 conchiglioni

  • 1 fetta di pane di segale (circa 50-80 g)
  • 20 conchiglioni (circa 200 g)
  • 3 spicchi d’aglio
  • 250 g di punte di asparago selvatico + 300 g di asparago selvatico intero
  • 40 g di mandorle
  • 150 g di formaggio fresco di capra
  • 50 g di finferli secchi
  • 1 cucchiaio di sciroppo d’acero
  • olio evo, sale e pepe q.b.
  • olio piccante, petali di calendula e lamine vegetali per decorare

Preparazione

  • Mettete i funghi in ammollo.
  • Soffriggete due spicchi d’aglio in olio, sale e pepe. Aggiungete le punte di asparagi e gli asparagi interi e cuoceteli fino a renderli belli teneri (aggiungete del brodo di verdura e/o dell’acqua dei funghi filtrata). Togliete le punte degli asparagi ed eliminate l’aglio. Tenete da parte gli asparagi interi.
  • In un mixer unite il formaggio di capra, le mandorle, il pane di segale a pezzetti, sale, pepe, uno spicchio d’aglio, due cucchiai di olio e le punte di asparago. Frullate fino a ottenere una crema piuttosto omogenea.
  • Cuocete i conchiglioni in abbondante acqua bollente salata.
  • Nel frattempo scolate i funghi e cuoceteli in padella insieme a due cucchiai di olio evo, sale, pepe e lo sciroppo d’acero fino a renderli belli morbidi.
  • Scolate i conchiglioni, farciteli con il pesto di capra a asparagi.
  • Tagliate qualche striscia di lamina vegetale, spruzzatela con olio, avvolgetela intorno a dei coni da cannolo e passate in forno a 180° per 10 secondi max. Toglietele dal forno e modellatele secondo la forma desiderata.
  • Impiattate: con un coppapasta create un letto con gli asparagi interi. Poi disponete i conchiglioni ripieni, coprite con i finferli. Ultimate con un giro d’olio piccante e i petali di calendula. Decorate con le lamine vegetali.

Vini suggeriti in abbinamento

Perché lo abbiamo scelto

Tra i bianchi di punta del territorio, il Sauvignon Blanc sviluppa caratteri differenti a seconda dell’ubicazione dei suoi vitigni: vivace e fresco, oppure corposo e intenso. Caratterizzato da un giallo oro brillante, spicca la mineralità e l’acidità sempre contenuta. Molto buona la persistenza in bocca.

Abbiamo scelto un piatto dalla tendenza dolce piuttosto spiccata, spezzata però dalla spaziatura e aromaticità dei funghi. Buona anche la leggera tendenza amarognola degli asparagi.

Il risultato è un abbinamento dove morbidezze e durezze si abbracciano quasi, e la persistenza del vino non sovrasta quella del cibo.

Un abbinamento capace di evocare la pienezza della primavera e la bella struttura ed eleganza di un grande vitigno di montagna.

Temperatura di servizio e altri consigli di abbinamento

10-12°C | aperitivi, primi vegetariani o di pesce, formaggi freschi di capra

VINI ALTO ADIGE #iobevoaltoadige #iodegustoaltoadige

              Piatti Easy Life | Posata Pintinox

 

Author: chiaracaprettini

Scrittrice e foodblogger di Torino, appassionata di culture nordiche antiche. Nordfoodovestest è il foodblog dei piccoli produttori e della cucina letteraria

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.