La cucina dei proverbi: Pache alla “raccontare la rava e la fava”

Raccontare la rava e la fava…

IMG_8027

Il piatto di oggi è pieno di parole, pieno di quella ricchezza travolgente come una cascata che sono i racconti, le confidenze, le storie, i suggerimenti, i consigli, che talvolta ci travolgono, altre ci conquistano, altre ci emozionano, ci ammutoliscono oppure scatenano altre parole, che come fuochi artificiali rimbombano dai gradi modulati di voce ai silenzi, alle pause, alle grida e dalla mente al cuore e ritorno, all’impazzata o lentamente. L’importante, grazie alla magia delle parole, è catturare, sorprendere, e farsi memorizzare. Nell’antichità i Loci communes, i Luoghi comuni, costituivano, nel discorso retorico, degli espedienti per la memorizzazione degli argomenti e già Aristotele sosteneva che, per associazione di idee, il messaggio riusciva a essere più convincente.

IMG_8015

I cervelli sono pieni di parole che vivono in santa pace con le loro contrarie e nemiche. Per questo le persone fanno il contrario di quello che pensano, credendo di pensare quel che fanno.

[José Saramago]

Così come l’Exemplum medioevale (frase sintetica colma di verità), o l’Imago (derivata dalla letteratura antica per dare ‘figura’ a un concetto morale), il luogo comune, come il proverbio, affonda le sue radici nella tradizione popolare e letteraria, nella quale aveva valore di iscrizione sui templi greci ad esempio, o di illustrazione negli arazzi medioevali, di gioco negli intrattenimenti cortigiani o didattico come fonte di insegnamento. Proverbi, motti, detti, luoghi comuni e modi di dire hanno dunque la caratteristica di innescare associazioni già sedimentate nella memoria collettiva e in grado di evocare immediatamente il significato.

IMG_8067

Nel Raccontare la rava e la fava, si sente l’incontenibile desiderio di esprimere in modo figurato e sintetico tutto l’aspetto più ridondante di quello che si vuole dire, i particolari di una situazione e ogni benché minimo dettaglio narrativo che può persino apparire ridondante e noioso, avvalorato dalla retorica dell’assonanza, nella ripetizione della vocale a. Il piatto di oggi, allora, oltre a essere pieno di parole, è pieno di sapore, di immaginario, di storia e di un sapere antico che, sollevando associazioni nella nostra fantasia, si farà ricordare.

IMG_8043IMG_8072IMG_8081

PACHE RIPIENE DI CANESTRATO SICILIANO E FAVE SU CREMA DI CIME DI RAPA PICCANTI E CHIPS DI PASTINACA

In dialetto trentino significa “pacche”, colpetti amichevoli sulla spalla. Ecco cosa sono le pache, un formato di pasta perfetto per chiacchierare amichevolmente tra un aneddotto e un pettegolezzo, un racconto e una ricetta, un ricordo e una battuta. E allora parliamo del più e del meno, su un letto di cime di rapa piccanti e queste pache ripiene di canestrato pepato e fave. E via, via alla meraviglia di fare croc ogni tanto con qualche chip di pastinaca. Buone pache, e chiacchiere, a tutti!

IMG_8078IMG_8083IMG_8066

Ingredienti per 4 persone

200 di pache bio Monograno Felicetti; 150 g di fave fresche sgusciate; 130 g di formaggio canestrato siciliano; 300 g di cime di rapa; 1 spicchio d’aglio; 1 cucchiaino di peperoncino fresco; 30 g di patatine di verdura (pastinaca, patate viola…); olio evo, sale e pepe q.b.

Preparazione

  • Pulite le cime di rapa privandole di gambi duri, tagliatele a pezzetti e fatelie insaporire in padella per un minuto in due cucchiai di extravergine, l’aglio schiacciato, sale e pepe e peperoncino. Aggiungete un po’ d’acqua e continuate la cottura a fiamma bassa per circa dieci minuti.

IMG_8062

  • Portate a bollore l’acqua per la pasta e sbollentate un minuto le fave. Trasferitele in un mixer, aggiungete il canestrato a pezzetti, un pizzico di pepe e due cucchiai di acqua di cottura. Frullate fino a ottenere una bella crema.
  • Buttate le pache, nel frattempo frullate le cime di rapa. Se la crema è troppo densa, aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
  • Scolate le pache al dente (10 minuti) e trasferitele in una ciotola.
  • Impiattate: fate un letto di cime di rapa, appoggiate le pache e farcitele con la crema di canestrato e fave, finite con le chips di pastinaca e qualche scaglia di canestrato.

IMG_8040IMG_8049

Prodotti

Pasta MONOGRANO FELICETTI

Décor

Piatti ROSENTHAL / Posate SAMBONET / Canovaccio TESSITURA TOSCANA TELERIE

IMG_8050

Autore: chiaracaprettini

Scrittrice e foodblogger di Torino, appassionata di culture nordiche antiche. Nordfoodovestest è il foodblog dei piccoli produttori e della cucina letteraria

2 thoughts

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...