La cucina dei proverbi: Linguine per “salvare capra e cavoli”

Salvare capra e cavoli…

IMG_4467

Questa è la storia del contadino che doveva traghettare al di là del fiume un lupo, una capra e un cavolo. Il posto sulla barca era davvero limitato, e così il contadino prima traghettò la capra, poi andò a prendere il lupo e poi tornò indietro a prendere la capra per evitare che il lupo se la divorasse. Traghettò quindi il cavolo – che al lupo ovviamente non interessava – e alla fine andò a prendersi la capra. E così facendo tutti poterono arrivare all’altra riva sani e salvi.

Come salvaguardare, insomma, con una sola decisione, l’interesse di due soggetti. Forse chi rimane un po’ a bocca asciutta è il povero lupo?

IMG_4480IMG_4482

LINGUINE DI FARRO ALLA GORGONZOLA DI CAPRA, KALE E CHIPS AL TARTUFO 

Iniziamo così un percorso qui sul blog dedicato alla cucina con i proverbi. Un patrimonio di immensa bellezza, un’enciclopedia di piccole grandi verità, una sorgente di spunti, un modo antico e ricco insieme per rendere la cucina un luogo di cultura.

IMG_4470E così ho pensato di cercare un po’ di utili proverbi italiani legati al cibo, abbinarli sempre a un formato di pasta differente, a ceramiche e posate raffinate e dalle linee semplici e pulite nello stesso tempo. Per non dimenticare da dove veniamo, per ricordare che il nostro bagaglio folkloristico, antropologico e umano va preservato e tramandato in modo semplice e studiato insieme. E allora via alla gorgonzola di capra accordata al cavolo riccio, e a un nostro tocco personale che renderà qualsiasi piatto (e proverbio!)  un piatto culturale quanto originale. I

Il tocco magico è dato da un sapore al tartufo che ci aiuterà a ritornare indietro nel tempo, a ribaltare questa ricetta ispirata a un proverbio e alle radici più lontane di un sapere agreste che vale la pena riscoprire. Dobbiamo infatti risalire al tempo dei Sumeri e dei Babilonesi (IV-II millennio a.C.), passare attraverso la Naturalis Historia di Plinio il Vecchio (I sec. d.C) per ritrovare negli aneddoti latini quel sapore incredibile e unico del terrae tuber già amato dagli Etruschi. Pensato in termini mitologici da Giovenale che lo ritenne sorto magicamente da un fulmine scagliato a terra da Giove in prossimità di una quercia, venne considerato in questi termini prodigioso e afrodisiaco. Con queste sembianze magiche, seppur esteticamente irrilevanti, entrò nell’immaginario di studiosi, filosofi e poeti di tutti i tempi. Io lo riporto in cucina, con tutto il rispetto culturale che la sua storia solleva, e lo collego a un proverbio altrettanto ancorato alle nostre radici, naturali e metaforiche.

IMG_4489IMG_4496IMG_4495

Ingredienti per 4 persone

320 g di Linguine al farro Monograno Felicetti; 200 g di cavolo riccio o kale; 120 g di gorgonzola di capra; qualche noce sgusciata; 80 g di patatine al tartufo; 1 spicchio d’aglio; extravergine Centonze bio, sale e pepe q.b.; peperoncino in polvere.

IMG_4517Preparazione

  • Pulite le foglie di cavolo e privatele delle parti dure. Fatele scottare per 5 minuti in abbondante acqua bollente. Scolatele, trasferitele in una padella dove avete fatto insaporire precedentemente l’aglio con un cucchiaio di olio e il peperoncino (un cucchiaino raso). Strascicate le foglie in padella per 15 minuti, allungando con dell’acqua di cottura del cavolo e aggiungendo un pizzico di sale durante la cottura.

IMG_4516

  • Cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata. Nel frattempo aggiungete alla padella con il cavolo i pezzetti di erborinato di capra e le noci spezzettate. Mescolate bene il tutto.
  • Scolate le linguine al dente (tenete dell’acqua di cottura) e finite la cottura in padella aggiungendo due cucchiai di acqua di cottura. Saltate accuratamente la pasta affinché tutti i sapori si amalghimino bene.
  • Servite la pasta con un bel giro di extravergine e le chips al tartufo sbriciolate.

IMG_4497IMG_4523IMG_4501

Prodotti

Pasta MONOGRANO FELICETTI

Décor

Piatti e posate SAMBONET 

IMG_4520IMG_4537

IMG_4513IMG_4543

Autore: chiaracaprettini

Scrittrice e foodblogger di Torino, appassionata di culture nordiche antiche. Nordfoodovestest è il foodblog dei piccoli produttori e della cucina letteraria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...