Poesia italiana: Risotto al Prosecco con tuorlo d’uovo marinato e olio alla menta

“Italiam, Italiam…”

[Virgilio, Eneide, III, 522-524]

Non possiamo immaginare quanto l’esclamazione riportata da Virgilio fosse una profetica anticipazione della nostra storia poetica, un vero inno alla creazione letteraria, ma di sicuro riusciamo a immaginare quanta enfasi poteva esserci in urlo degli esuli troiani in prossimità delle coste della nostra penisola, quella che poi fu denominata “bel paese” da Dante nell’Inferno (XXXIII, 79-80).

IMG_3885

Oltre allo stesso  Dante che ne parla anche nel De Vulgari Eloquentia (1, X), le citazioni in cui l’Italia è osannata o denigrata nella nostra storia letteraria si rincorrono a cascata nei secoli. Petrarca nel suo Canzoniere, Ariosto ne L’Orlando furioso, Niccolò Macchiavelli nell’ultimo capitolo del Il Principe, e poi Vittorio Alfieri e Francesco Guicciardini. Tra Rinascimento e Barocco, sulla scia del modello petrarchesco, nella lirica si configura la tradizione  del compianto per le sorti della patria  e l’Italia va via via sempre più personificandosi in un’immagine meschina, misera e infelice. Dobbiamo giungere ai letterati dell’Ancien Régime per rivedere nuovamente l’Italia in una luce vittoriosa.

IMG_3933 copiaIMG_3897

La moda, i viaggi, i diari e i resoconti sugli usi e costumi; smaglianti i sonetti inneggianti l’Italia e la sua auspicata unità datati 1707 di Vincenzo da Filicaia, e quante altre gemme potremmo citare in cui l’Italia letteraria s’intreccia con la sua storia… Fino a Vincenzo Monti che della sua Bella Italia descrive le “amate sponde”, quindi Giacomo Leopardi, Goffredo Mameli, Manzoni, D’Azeglio, Nievo, De Amicis, Verga, Pascoli… Una costellazione praticamente infinita di grandi autori che hanno fatto della loro lirica, o narrativa, un grande regalo al nostro Paese da consegnare, alle generazioni che verranno. 

IMG_3890IMG_3880 copiaIMG_3884

RISOTTO AL PROSECCO MANTECATO AL MASCARPONE, TUORLO D’UOVO MARINATO E OLIO ALLA MENTA

Rendiamo omaggio a questi grandi Autori con il secondo piatto dedicato all’Italia (per il primo vi rimando al post), al sole rosso dei suoi tramonti, alla sua natura, alla neve delle sue vette. Nella coscienza, da conservare e tramandare, che il nostro è prima di tutto un Paese bellissimo. E di alta poesia.

Ingredienti per 4 persone 

320 g di riso bianco integrale; 2 scalogni; 40 g di burro; 180 di mascarpone; 2 bicchieri di Prosecco; menta fresca; olio evo, sale e pepe q.b.

Per le uova marinate: 4 tuorli d’uovo; 400 g di zucchero; 400 g di sale.

51

Preparazione

• Preparate i tuorli marinati la sera prima: mescolate bene sale e zucchero. Prendete quattro ciotoline, riempitele per metà, create una piccola conca in ognuno e adagiateci il tuorlo delicatamente. Coprite sempre delicatamente ogni ciotolina distribuendo la rimanenza di sale e zucchero. Coprite ogni ciotolina con pellicola trasparente e fate riposare a temperatura ambiente per almeno 10 ore.  

• In una padella insaporite per qualche minuto gli scalogni tagliati finemente con il burro, un pizzico di sale e pepe. Unite il riso, tostatelo per due minuti e poi sfumate con il Prosecco. Aggiungete gradualmente il brodo e proseguite nella cottura del risotto (circa 25 minuti). 

• Nel frattempo, mettete in una tazzina una dozzina di foglie di menta, pressatele un po’ e copritele interamente con l’extravergine. Fate riposare in frigorifero. 

• A cottura del risotto quasi ultimata, mantecate con il mascarpone.

• Impiattate il risotto aiutandovi con un coppapasta quadrato, adagiateci sopra il tuorlo e finite con qualche goccia di olio alla menta. 

Décor

Il piatto piano tondo utilizzato fa parte della Linea Montefeltro del LABORATORIO PESARO

L’ho scelto per questa seconda ricetta dai sapori e colori tutti italiani, il bianco fa svettare il Tricolore nella sua essenza più profonda. Prosecco, menta, tuorlo d’uovo e mascarpone: gusti eleganti e raffinati, un po’ come questo piatto in gres, dove tutto si bilancia in un cerchio perfetto quasi sospeso tra sogno e realtà. 

 IMG_3904IMG_3932 copia

Autore: chiaracaprettini

Scrittrice e foodblogger di Torino, appassionata di culture nordiche antiche. Nordfoodovestest è il foodblog dei piccoli produttori e della cucina letteraria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...