Sardine portoghesi al bagnet verd

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero. La fine di un viaggio è solo l’inizio di un altro.

[J. Saramago]

ricetta sardine portoghesi al bagnet verdricetta sardine portoghesi al bagnet verd

Niente è per caso. 

Credo che quando ci innamoriamo profondamente di un luogo che non è la nostra terra natìa, in un qualche vita precedente forse c’eravamo già stati, l’avevamo già vissuto, l’avevamo già amato. Credo che ognuno di noi sia solo una piccolissima parte di un infinito di vite vissute, di incontri fatti, di viaggi sperimentati, sognati, desiderati.

Siamo la somma disordinata e straordinaria di infiniti desideri nascosti.

Mi piace dare questa spiegazione quando certi fatti della vita di per sé sembra che una spiegazione non ce l’abbiano. Ma quella è solo apparenza, quella è la superficie, perché se scaviamo bene, tutto ha una piccola, grande spiegazione.

sardine-portoghesi-al-bagnet-verdshot-di-peperone-al-gin

Il mio amore per il Portogallo e per il Nord Europa forse ha una radice comune: forse se faccio giardinaggio nella mia anima (così rendo l’idea?) scopro che questi due fiori che in me generano sempre un amore incondizionato, bene questi due fiori appartengono alla stessa pianta. Di chissà quale mondo, di chissà quale delle nostre tante vite…

Nel mio giardino Pessoa chiacchiera rivolto al Mar Baltico, e poi Andersen si gusta un pastel de nata a Belém e poi Amália Rodrigues canta il suo Fado spettinata dal vento dei fiordi norvegesi. Tutto si somma e così tutto si moltiplica, l’emozione si fa tangibile e gli occhi lucidi grazie a un miracolo che diventa concreto.

Queste SARDINE PORTOGHESI AL BAGNET VERD sono nate grazie all’incontro con Liliana. La vita è fatta di incontri. E sono proprio gli incontri a trasformare la nostra vita in un viaggio. Dobbiamo segnare la nostre tappe, non dobbiamo dimenticare perché abbiamo tutto da scrivere.

Anni fa ormai davanti al mio amato oceano portoghese, ho incontrato LILIANA NAVARRA, collega di Napoli trasferitasi da anni a Lisbona. In poco tempo ci siamo sentite attraversate da una stessa lunghezza d’onda… Lei che ormai da dieci anni, anche grazie al suo blog, porta i turisti più attenti e curiosi in giro per Lisbona, conducendoli a scoprire la città vera, nei meandri di un’anima che forse nemmeno un lisboeta di nascita riesce a cogliere nell’essenza. Perché Lisbona ti ammalia sempre in modo diverso, fa come le sirene con Ulisse e da “porto sicuro” (quale è il significato del suo nome) si trasforma in incantesimo indecifrabile. Liliana prova a farti respirare un po’ di tutto questo, con divertimento e grande intelligenza.

sardine-portoghesiolio-fratoni

E così ci siamo ritrovate in una diretta sulla sua pagina Facebook, a preparare insieme un APERITIVO UN PO’ LUSITANO UN PO’ PIEMONTESE

ma attraversato anche dall’aria delle Azzorre (Liliana ha scelto il vino Arinto dos Açores di António Maçanita, una vera perla 100% Arinto delle Azzorre, vitigno autoctono dell’arcipelago) e da quelle delle Marche (ho adoperato infatti l’Extravergine Monovarietale di Ascolana Tenera Biologico in Armonicoltura di Olio Fratoni, un olio le cui olive crescono ascoltando la musica: “Il progetto Armonicoltura è così denominato per l’utilizzo della musica diffusa a 2000 watt di potenza sui terreni coltivati, con frequenze sonore di 432 Hz. L’obiettivo è quello di migliorare la biochimica dell’acqua intesa come memoria e cassa di risonanza naturale che modula le reazioni chimiche all’interno delle molecole delle piante e di ogni organismo vivente”).

Risultato? Delle sardine rivisitate in chiave piemontese, con un ulteriore tocco: dei piccoli shot di peperone al Gin! Per ravvivare i nostri aperitivi primaverili, pregustando l’estate, sospesi come in un sogno tra il Portogallo e l’Italia!

sardine-portoghesi-al-bagnet-verdshot-di-peperoni-al-gin

SARDINECOP

SARDINE AL BAGNET VERD CON SHOT DI PEPERONE AL GIN 

Ingredienti per 4 persone

Per le sardine al bagnet verd

  • 1 confezione di sardine sott’olio
  • un mazzolino di prezzemolo
  • due fette di pane morbido (o raffermo, ma fatto ammorbidire prima in acqua o latte)
  • 3 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 1/2 cucchiaino di peperoncino in polvere o a scaglie
  • 150 ml di olio extravergine

Per gli shot

  • 4 peperoni grigliati sott’olio
  • 2 scalogni
  • 1 cucchiaio di Gin
  • una spruzzata di Tabasco o PiriPiri
  • qualche fogliolina di menta
  • qualche fetta di pane per servire + una noce di burro

Preparazione

  • Scolate i peperoni del loro olio, trasferiteli in un mixer insieme agli scalogni tagliati a pezzetti, il Gin e il Tabasco o PiriPiri. Frullate il tutto fino a ottenere una crema omogenea (se troppo densa, allungate semplicemente con qualche goccio d’acqua). Trasferite in una ciotola e tenete da parte.
  • Pulite il mixer.
  • Scolate le sardine del loro olio. Trasferitele nel mixer insieme alle foglie di prezzemolo, l’aglio a fettine, il pane sbriciolato, l’aceto, il peperoncino e l’olio. Frullate il tutto fino a ottenere una crema della consistenza di un pesto. Se necessario, aggiungete dell’extravergine.
  • Tostate le fette di pane in padella qualche minuto con una noce di burro.
  • Riempite quattro bicchierini di plastica con la crema di peperoni. Guarnite con una fogliolina di menta.
  • Servite il bagnet verd in una ciotolina con le fette di pane tostato e gli shot di peperone.

Prodotti

OLIO FRATONI

Per tutti gli amanti del Portogallo: il mio romanzo “GIRA IL TEMPO AL CONTRARIO” (CARTMAN EDIZIONI) ripercorre come in un viaggio alcune delle città e dei paesi più emozionanti che potete visitare! Se invece vi interessa un tour-non-tour a Lisbona, scrivete a Liliana!

sardine-portoghesi-al-bagnet-verd

Author: chiaracaprettini

Scrittrice e foodblogger di Torino, appassionata di culture nordiche antiche. Nordfoodovestest è il foodblog dei piccoli produttori e della cucina letteraria

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.