It’s Christmas time: siate “giulivi” tra fiabe nordiche e tartufi di cioccolato

21 dicembre. Solstizio d’inverno… Quando la notte più lunga incontra il giorno più breve…

Non è affascinante?

moominmoominla-perla-di-torino

E allora, siamo giulivi!

Giulivi sì, perché in questa parola è contenuto il senso più antico del Natale! Anzi, anche in jolie e jolly… Perché giulivo, jolie e jolly rimandano al termine islandese antico Jol da cui Yule ovvero la festa dell’inverno e poi Natale.

L’etimologia comunque non è molto chiara. Secondo alcune teorie deriverebbe dal norreno Hjól ovvero “ruota”, con riferimento al fatto che, nel solstizio d’inverno, la Ruota dell’Anno si trova al suo estremo inferiore e da lì inizia poi a risalire. Il fatto che il termine sia collegato al solstizio è da far risalire al fatto che in epoca precristiana le celebrazioni avvenivano proprio durante il giorno del solstizio d’inverno.

Ecco che giulivo, jolie e jolly condividono il senso della festa ma nello stesso tempo della grazia. In questo jolie incarna molto bene il senso della delicatezza, jolly più il senso dello scherzo e anche del mistero; e infine giulivo, della bonarietà e del bisogno di allegria.

muurlamuurlala-perla-di-torino

E allora, siamo giulivi! Immergiamoci nei mondi nordici dove elfi e troll dalle strane forme si avvolgono in sciarpe calde e indossano scarponcini colorati. Saltelliamo come ippopotami, scaldiamo la casa con legna e candele. Leggiamo una fiaba dei MOOMIN, sì proprio loro, la più pazza famiglia di troll finlandesi nata dalla fantasia di Tove Jansson, scrittrice e pittrice finlandese di lingua svedese. Loro che sono stravaganti e incredibilmente ospitali, ci insegnano che la stravaganza può essere una meravigliosa qualità dell’animo. Per questo dobbiamo anche ringraziare il design finlandese di MUURLA, autori di queste tazze che – prima di ogni altra cosa – sono pagine di fantasia.

È il Natale nel cuore che infonde il Natale nell’aria.
[William Thomas Ellis]

muurlala-perla-di-torinomuurla

I racconti di Natale iniziano con un messaggio di dolcezza, di riscoperta di una nuova sensibilità, di un piacere di condividere il sapore dell’amicizia e tutto il bene dell’amore. I racconti di Natale portano il calore nel cuore freddo dell’inverno, portano luce e armonia per prepararci positivamente e con fiducia al nuovo anno. I racconti di Natale sono dolci, hanno un cuore tenero come i Tartufini LA PERLA e ci riportano a quell’età dell’infanzia in cui la fantasia spaziava sicura nei paesaggi di neve.

Via libera ai Tartufi La Perla con Arachide salata, un inno alla tradizione ma anche all’originalità per un’Azienda che dal 1992 fa di Torino uno straordinario teatro di artigianalità, qualità e gourmandises allo stato puro. E poi Gianduiotti, Creme spalmabili e delle Perle di tartufo di cioccolato che – care donne – non hanno nulla da invidiare alle perle vere.

Insomma, non pensate che questo sia un ottimo modo per affrontare la notte più lunga dell’anno?

MUURLA

LA PERLA DI TORINO

IMG_9225

muurla

Author: chiaracaprettini

Scrittrice e foodblogger di Torino, appassionata di culture nordiche antiche. Nordfoodovestest è il foodblog dei piccoli produttori e della cucina letteraria

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.